Programma di riforestazione dell’Amazzonia, un anno dopo

Intervista all’Esperto: Nawal Saïchi, Responsabile del progetto internazionale della Klorane Botanical Foundation

Un anno fa, la Klorane Botanical Foundation decideva di sostenere un programma di riforestazione e condivisione del savoir-faire agricolo nella regione dell’Amazzonia brasiliana incentrato sulla coltura del Cupuaçu. Facciamo il punto con Nawal Saïchi, Responsabile del progetto internazionale della Klorane Botanical Foundation.

Qual è l’impegno della Klorane Botanical Foundation in Amazzonia?

“Desiderosa di sostenere lo sviluppo di un’agricoltura responsabile e sostenibile nella regione amazzonica, la Klorane Botanical Foundation ha siglato una partnership con l’Istituto Beraca, attore di spicco nella protezione della biodiversità in Brasile, per attuare un ambizioso programma di condivisione delle conoscenze tra due comunità che coltivano il Cupuaçu, una pianta endemica la cui coltura secondo pratiche agroforestali consente di rigenerare terreni degradati dalla deforestazione! E la comunità di Tome Açu, forte di un’esperienza decennale, è stata scelta per trasmettere le proprie conoscenze agli abitanti di Bela Aurora, una comunità isolata composta da discendenti degli schiavi: questo progetto consente a questa comunità di lasciarsi alle spalle precarietà economica e pratiche agricole nocive per l’ambiente, come il debbio, ossia la coltivazione su terreno bruciato.

In che modo la coltivazione del Cupuaçu secondo pratiche agroforestali avvantaggia l’ambiente?

“L’Agroforestazione è una pratica di occupazione dei suoli che associa diverse specie vegetali, allo scopo di ricreare un ecosistema equilibrato e preservare la biodiversità. Questa modalità produttiva consente agli agricoltori di ripristinare la fertilità dei suoli degradati dalla deforestazione e diversificare la produzione. Il Cupuaçu, una specie endemica che non richiede molte cure, è adattissimo a questo sistema agricolo.” Coltivato secondo pratiche agroforestali, il Cupuaçu convive con piante come l’Açai, famosa per le sue bacche energetiche. Sotto la coltre arborea si coltivano specie come il banano, la passiflora o l’acerola, cui si aggiunge un livello di colture più basse, costituite da piante erbacee o per uso alimentare come il mais, i fagioli o la manioca, alla base dell’alimentazione locale. “Grazie alla sinergia, questo sistema agricolo assicura rendimenti significativi e, nel contempo, assicura la tutela dell’ambiente”, tiene a precisare Nawal.

Qual è il bilancio concreto dopo un anno d’azione sul campo?

“Il nostro obiettivo era quello di piantumare 3.000 alberi di Cupuaçu, ma lo abbiamo già superato, visto che sinora ne sono stati messi a dimora 3.186. Nel complesso, sono stati recuperati 11 ettari di terreno degradato dalla deforestazione, che vengono ora coltivati in modo sostenibile”, e questo con grande gioia della Fondazione. I 13 agricoltori, tra cui una donna, che hanno partecipato attivamente al progetto, devono però aspettare ancora per poter trarre profitto dal Cupuaçu, poiché ci vogliono almeno tre anni per ottenere una fruttificazione ottimale. “I benefici dell’agroforestazione si stanno già facendo sentire. L’analisi del nostro partner, l’Istituto Beraca, evidenzia come questo sistema agricolo possa offrire rendimenti di gran lunga superiori a quelli cui potevano aspirare in passato gli agricoltori di Bela Aurora; ora possono vendere una maggior varietà di prodotti alimentari sui mercati della regione, come la manioca, i fagioli e le banane. Lasciandosi gradualmente alle spalle una condizione di precarietà, questi produttori hanno toccato con mano i vantaggi economici e ambientali dell’agroforestazione e, spontaneamente, si sono fatti portavoce di queste buone pratiche agricole.” Per rafforzare il messaggio, la Klorane Botanical Foundation interviene anche nelle scuole locali, sensibilizzando i più piccoli rispetto all’importanza del preservare la natura e assicurando la trasmissione di questo savoir-faire alle generazioni future.
#FeelGoodActGood

Ti piacerà anche...